Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi Le altre fraternità del Monastero di Bose don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani

domenica 17 maggio 2015

Salone Libro: Livio Partiti e Matteo Nicolini Zani




EDIZIONI QIQAJON

SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TORINO


SONO UN SOGNO DI DIO FERNANDO PESSOA

“In me esiste, al fondo di un pozzo, / Un pertugio di luce verso Dio. / Là, molto in fondo alla fine, / Un occhio fabbricato nei cieli”: la poesia di Pessoa è una diagnosi spirituale della modernità. La poesia ci prepara alla ricerca di Dio. Essa opera lo smantellamento della crosta che copre la realtà, mette a nudo il nostro cuore, ci espone ad una comprensione più profonda e più totale della vita e delle sue espressioni: la sua notte e il suo giorno, il suo esteriore e il suo rovescio, la sua parola e il suo silenzio.

Fernando Pessoa (Lisbona 1888-1935) è una delle figure principali della letteratura del Novecento. Lavorò come corrispondente commerciale in ditte di import-export, ma sulla scena letteraria portoghese lasciò un’impronta indelebile con la creazione di movimenti d’avanguardia e di riviste. Pubblicò su vari giornali testi poetici e filosofici, firmandoli sia con il suo nome sia con quello dei suoi eteronimi, per i quali inventò una biografia e uno stile peculiari, come si trattasse di persone reali.

LETTERE A UN GIOVANE RAINER MARIA RILKE

L’invito che viene a un giovane da queste pagine è a prendere sul serio la propria vita. Un invito che resta sul piano della testimonianza umana, della relazione calda. Queste pagine sono un dono di amicizia: sono invito a diventare lucidi e svegli, a scoprire e vivere la propria originalità. Esse testimoniano la possibilità reale di non cadere nella superficialità. Infatti, “tutto è importante”. Tocca a noi aprire gli occhi e gli orecchi e renderci sensibili al mondo, per coglierne la bellezza e la preziosità. (dalla “Prefazione” di Enzo Bianchi)

Rainer Maria Rilke (Praga 1875-Montreux 1926), poeta di rara forza introspettiva e sensibilità spirituale, ha saputo farsi interprete del mistero grande e terribile della vita e della morte.

Matteo Nicolini-Zani è monaco della Comunità di Bose e coordinatore della commissione italiana del Dialogo Interreligioso Monastico. Nel 1999 si è laureato in lingua e letteratura cinese all’Università Ca’ Foscari di Venezia con una tesi su Gli studi cristiani accademici e il fenomeno dei “cristiani culturali” nella Cina contemporanea. Negli anni 1996-2000 ha studiato alcuni mesi nella Repubblica Popolare Cinese, Hong Kong e Taiwan. Il suo principale campo di ricerca è la storia del cristianesimo in Cina. Negli ultimi anni si è inoltre dedicato allo studio specifico della storia e della letteratura della prima missione cristiana in Asia centro-orientale (il cristianesimo siro-orientale della seconda metà del primo millennio).

ascoltare fa pensare