Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani Elenco di tutti i posts

lunedì 11 maggio 2015

Enzo Bianchi Gesù annuncia la misericordia (II)




Acquista il cd completo sul sito del Monastero di Bose
Enzo Bianchi priore di Bose 2015, 2 CD 2h, disponibile anche come file scaricabile

Incontro tenuto da fr. Enzo Bianchi a Bose il 10 maggio 2015

Gesù annuncia la misericordia (II)
La condivisione dei beni


Nei vangeli i poveri sono i primi destinatari della buona notizia e per loro Gesù ha avuto un’attenzione particolare, un’opzione preferenziale. I poveri sanno accogliere e riconoscere Gesù, e vedono la loro condizione illuminata dal farsi uomo di colui che era nella condizione divina: lui che “da ricco che era, si è fatto povero per noi” (cf. 2Cor 8,9). Ecco perché la povertà, prima di essere una condizione etica, è rivelativa dell’identità di Gesù e della forma della sua missione tra gli uomini.
Nei vangeli vi è un giudizio duro sul possesso, sulla proprietà, sulla ricchezza. Tutto ciò che è nel mondo, tutte le cose sono buone, ma il possesso, l’accumulo è diabolico. La parabola del ricco e del povero Lazzaro illustra questo insegnamento di Gesù e scuote soprattutto noi che viviamo nell’abbondanza di una società che non conosce più né la fame né la povertà e che sa nascondere così bene i poveri al punto di non accorgersi più della loro presenza. Questa parabola ci ammonisce a vedere chi è accanto a noi, a farci prossimo e a condividere la nostra vita con chi è nel bisogno.

Qui la prima parte

Qui la terza parte