Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani Elenco di tutti i posts

venerdì 5 maggio 2017

La fede e il sacramento del matrimonio


La fede e il sacramento del matrimonio. 
Convegno teologico-pastorale
Ancona, 27 aprile 2017

Il ripensamento del nesso fede/sacramento del matrimonio è un tema cruciale nel panorama teologico ed ecclesiale contemporaneo. Non a caso, papa Francesco ha incentrato una riflessione su tali questioni nel suo ultimo intervento alla Rota Romana lo scorso 21 gennaio 2017.
I giovani che chiedono il matrimonio appaiono motivati e spesso ben consapevoli della scelta che stanno per compiere, anche semplicemente per il motivo che essa non è più l'unica forma possibile di unione affettiva. Il fatto che oggi ci siano altri stili di convivenza civilmente e socialmente riconosciuti rende il matrimonio sacramentale una scelta esplicitamente voluta. La buona disposizione umana, però, sovente non è corrisposta da un'esperienza di fede matura. Per questo papa Francesco più volte ha esplicitamente auspicato «un adeguato cammino di preparazione volto a riscoprire il matrimonio e la famiglia secondo il disegno di Dio. Si tratta di aiutare i futuri sposi a cogliere e gustare la grazia, la bellezza e la gioia del vero amore, salvato e redento da Gesù. La comunità cristiana alla quale i nubendi si rivolgono è chiamata ad annunciare cordialmente il Vangelo a queste persone, perché la loro esperienza di amore possa diventare un sacramento, un segno efficace della salvezza».
D'altra parte, il fatto che numerosi fidanzati - pur in un contesto di secolarizzazione come quello attuale - liberamente e consapevolmente chiedano un sacramento come il matrimonio è «per tutta la comunità una straordinaria occasione di missione. Oggi più che mai, questa preparazione si presenta come una vera e propria occasione di evangelizzazione degli adulti e, spesso, dei cosiddetti lontani. Sono, infatti, numerosi i giovani per i quali l’approssimarsi delle nozze costituisce l’occasione per incontrare di nuovo la fede da molto tempo relegata ai margini della loro vita; essi, per altro, si trovano in un momento particolare, caratterizzato spesso anche dalla disponibilità a rivedere e a cambiare l’orientamento dell’esistenza. Può essere, quindi, un tempo favorevole per rinnovare il proprio incontro con la persona di Gesù Cristo, con il messaggio del Vangelo e con la dottrina della Chiesa».
La premura della Chiesa nei confronti delle giovani coppie si è concretizzata da alcuni decenni in un itinerario di preparazione (il cosiddetto "corso per fidanzati") mediante il quale accompagnare le coppie alla riscoperta della sacramentalità della loro unione. È un tentativo ancora adeguato? Eventualmente, in che modo allora le comunità cristiane possono essere aiutate e sostenute in questo compito? Come la teologia e il diritto possono intervenire efficacemente nel ripensare la pastorale? Quale impulso ha impresso l'esortazione postsinodale «Amoris laetitia» al matrimonio e alla famiglia? Il convegno curato dall'Istituto Teologico Marchigiano si propone come uno spazio di discussione e di riflessione offerto agli studenti e alle Chiese locali delle Marche per cogliere le sfide e le occasioni di grazia che il nostro tempo presenta.

(a cura dell'Istituto Teologico Marchigiano)

Intervento del prof. Andrea Grillo - Pontificio Ateneo Sant'Anselmo
Fede e matrimonio: la teologia pastorale tra dogmatica e diritto canonico


Intervento del prof. don Carlo Rocchetta - Pontificia Università Gregoriana
Fede e sacramento delle nozze: per una sua recezione efficace


Intervento di don Paolo Gentili - Direttore dell'Ufficio Nazionale per la pastorale della famiglia della CEI
Le sfide della pastorale familiare dopo Amoris laetitia