Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi Le altre fraternità del Monastero di Bose don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani

giovedì 27 aprile 2017

Uomini e Profeti: "Va’ e studia. Che cos’è il Talmud?”


In queste quattro lezioni di Uomini e Profeti (trasmesse nel mese di aprile 2017)  Benedetto Carucci Viterbi, studioso di Talmud e della tradizione ebraica e rabbino della Comunità di Roma, racconta che cos’è il Talmud: uno dei testi sacri dell’ebraismo, secondo per importanza solo alla Torà.
La parola “Talmud” deriva da una radice che significa “studiare”: senza studio non c’è ebraismo, afferma Carucci. La relazione con Dio passa attraverso lo studio e l’interpretazione dei testi. Elaborato in forma di commento orale nelle scuole rabbiniche palestinesi e babilonesi, il Talmud costituisce un corpus di sapienza, usi, leggi e consuetudini fondamentali per l’ebraismo.

Nella prima lezione rav Carucci Viterbi si sofferma sulla formazione storica di questo testo, sulla sua struttura, e soprattutto sull’importanza della tradizione orale nell’ebraismo. Non c’è dunque solo “parola scritta”, ma anche e soprattutto “tradizione orale” del commento”.



Nella seconda lezione, rav Carucci Viterbi spiega cosa realmente significhi lo studio nella tradizione ebraica confrontando i diversi modelli del metodo occidentale, solitario e silenzioso, con quello dello studio talmudico, nel quale è essenziale la dimensione relazionale e dialogica.



Nella terza lezione Rav Carucci si sofferma ancora sulla questione del senso profondo dello studio nell'ebraismo. Lo studio è importante perché funzionale alla pratica ma fondamentale anche in quanto fine a se stesso, poiché rappresenta il luogo di relazione tra l'uomo e Dio. Ma dal quel grande archivio del sapere ebraico che è il Talmud hanno attinto non solo maestri, studiosi, religiosi, ma anche grandi intellettuali non necessariamente legati alla prospettiva religiosa, e tanto meno a quella ortodossa. Si può dunque definire l'ebraismo una religione? Quale può considerarsi il confine, la distinzione tra la dimensione religiosa e quella quotidiana, laica e presente in ogni sfera pratica della vita? Attraverso la lettura e la spiegazione di alcuni passi talmudici Rav Carucci ci guida nella comprensione della complessità dell'ebraismo.



In questa ultima lezione Carucci Viterbi approfondisce l'analisi della centralità della trasmissione nella cultura ebraica, che si compie dal padre al figlio, dal maestro al discepolo. Lo studio del Talmud ci presenta una modalità dialogica, di confronto duale, di discussione tra pari e con il maestro. E malgrado i contenuti di questo gigantesco archivio del sapere ebraico possano apparire oggi lontani dalla realtà delle nostre esistenze, il Talmud rappresenta una sfida intellettuale, spirituale e di sapienza ancora oggi raccolta con entusiasmo da moltissimi giovani studenti nelle yeshivot di tutto il mondo.