Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi Le altre fraternità del Monastero di Bose don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani

martedì 7 marzo 2017

Spazio e tempo fra scienza e teologia


🙏 Si è aperta con un pomeriggio ricco di stimoli la settima edizione del corso Ai confini dell’infinito? che mette in dialogo scienze e teologia grazie alla collaborazione tra Facoltà teologica del Triveneto e Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Padova e con il patrocinio del Miur.
Oltre settanta gli insegnanti, delle scuole venete di ogni ordine e grado, che il 2 marzo 2017 nella sede della Facoltà a Padova hanno seguito la conferenza sul tema Spazio e tempo, animata dagli interventi dell’astrofisico Piero Benvenuti, segretario generale dell’International Astronomical Union (Dalle onde gravitazionali alla relatività dello spazio-tempo), e del teologo Riccardo Battocchio, docente della Facoltà teologica del Triveneto (Spazi e tempi della creazione). 

«La teoria della relatività generale di Einstein, datata 1919, è stata confermata dalla recente intercettazione delle onde gravitazionali – ha spiegato l’astrofisico Piero Benvenuti – La possibilità di misurare queste onde apre una nuova finestra sull’universo rispetto alla conoscenza finora possibile tramite la luce, che non è in grado di penetrare il fondo cosmico. Ora possiamo andare più in là».

Le teorie scientifiche hanno anche delle portate filosofiche e oggi possiamo dire che le grandi intuizioni di sant’Agostino e san Tommaso sul tempo trovano una collocazione precisa anche nelle considerazioni scientifiche. «Spazio e tempo non sono entità assolute e indifferenti al creato – prosegue Benvenuti – ma create e indissolubilmente legate alla realtà sensibile: sono state create insieme al cosmo. E dunque non è possibile pensare una creazione che avviene nel tempo, ma la creazione è qualcosa che sta al di fuori del tempo».

Il passaggio al campo teologico è stato marcato da don Riccardo Battocchio come l’ingresso in quel laboratorio che è l’esperienza umana, religiosa, fatta di storie di uomini e donne, della tradizione giudaico-cristiana, e dove si accetta che siano di più le domande che le risposte.

«”Creazione” non è un termine neutro – ha precisato Battocchio – Occorre ammettere la distinzione fra il mondo e il suo principio come alterità. Ciò implica una distinzione reale ontologica e insieme la presenza del creatore nello spazio e nel tempo».

Come pensare allora, e vivere, la relazione creatura-creatore connotata spazio-temporalmente? «La presenza e assenza di Dio nel mondo ci rimanda al tempo, – spiega il teologo – si pone fra promessa (non ancora) e compimento (presenza). Distinzione e relazione vanno pensate insieme in prospettiva trinitaria». Sul rapporto Dio-mondo e sul tema dell’immanenza e trascendenza viene richiamata la chiarezza di papa Francesco nel capitolo 2 dell’enciclica Laudato si’. Estrema sintesi è il motto contenuto in un elogio di sant’Ignazio di Loyola: divino è non lasciarsi costringere da ciò che è più grande e lasciarci contenere da ciò che è più piccolo. Ciò significa che «fra il massimo e il minimo c’è tempo e spazio per il nostro agire responsabile nel mondo – conclude il teologo – Il mondo è il luogo dove ogni creatura può trovare se stessa e incontrare Dio che è diverso dal mondo».

Paola Zampieri