Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani Elenco di tutti i posts

domenica 12 marzo 2017

Enzo Bianchi L’Evangelo: buona notizia per i malati





"Uomini e Profeti" - Lezioni. Puntata di domenica 12 marzo 2017

"L’Evangelo: una buona notizia per i poveri, i peccatori, i malati, le donne, gli stranieri" 
di Enzo Bianchi

In questa serie di lezioni Enzo Bianchi, fondatore della Comunità monastica di Bose, esplora il significato del Vangelo, che è il cuore stesso del cristianesimo: non la proiezione delle aspettative dei credenti, non un idolo, non un ricettacolo di norme morali, ma un annuncio che vi è speranza per gli ultimi della terra, che da essi occorre partire per ricostruire umanità.
Nella seconda lezione, Enzo Bianchi, con la profondità umana che gli è propria, e con la grande conoscenza delle Scritture, rileva come, nelle tante guarigioni che Gesù compie nei confronti di persone affaticate nel corpo o nello spirito, viene messa in evidenza l’attenzione alla sofferenza umana, che non ha nulla a che vedere, come dicono i testi stessi dei Vangeli, con una punizione divina, a differenza di quanto sostengono alcuni ancor oggi. “Dio non ama la sofferenza degli uomini” dice Bianchi. E mostra come vi sia un difficile esercizio da compiere tra la lotta contro il dolore e l’accettazione della fine qualora essa sia inevitabile.

Letture di Roberta Greganti e Graziano Piazza

I testi sono tratti da:
Pia Pera, Al giardino ancora non l'ho detto, ed. Ponte alle Grazie
Preghiera scritta da uno sconosciuto prigioniero del Campo di sterminio di Ravensbruck e lasciata accanto al corpo di un bambino morto

Riferimenti biblici:
Matteo 9, 9 - 13
Marco 5, 24b - 34
Giovanni 5, 1- 5
Esodo 34, 5 - 9