Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi Le altre fraternità del Monastero di Bose don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani

giovedì 2 marzo 2017

Enzo Bianchi Circoli di R-esistenza 2016 Dono e perdono



COSA SONO? I Circoli di Resistenza sono circoli di uomini e donne, luoghi sparsi su tutto il territorio bergamasco, che si impegnano a ritrovarsi quattro volte, per leggere un testo, commentarlo e avviare insieme alcune riflessioni.


MODALITA' ORGANIZZATIVE Ogni gruppo prevede indicativamente un minimo di otto fino ad un massimo di quindici partecipanti e si impegna a trovarsi per 4 incontri.

MATERIALI Tutti coloro che si iscriveranno riceveranno una copia del libro “Dono e perdono” di Enzo Bianchi. Al facilitatore, inoltre, verrà inoltre fornita una guida per accompagnare la riflessione del gruppo nei quattro incontri. Tale strumento è facoltativo e vuole essere un supporto per i Circoli.

TEMA Il tema del dono è uno tra i più presenti nel grande cantiere della ricerca e della riflessione contemporanea, ma in una società dominata dal mercato e sempre più individualista c’è ancora posto per l’arte del donare come atto autentico di umanizzazione? Oggi, poi, persino il perdono, atto che attira una curiosità mediatica morbosa e poco rispettosa, rischia di essere banalizzato. Chi è arrivato a perdonare sa però che questo è un cammino lungo e faticoso, compiuto a caro prezzo poiché deve fare i conti con il problema del male. Di fronte a esso l’umanità ha percepito che l’unica cosa seria che si può fare è “soffrire insieme”, praticare la compassione. Questo sentimento, questa passione, da assumere in primo luogo nelle relazioni interpersonali, non si può limitare a tale dimensione, ma deve aprire una strada a livello sociale e anche politico ed economico.

A conclusione del percorso avverrà l'incontro con l'autore:
ENZO BIANCHI Venerdì 27 gennaio 2017 ore 20.45 presso la CHIESA PARROCCHIALE DI SCANZOROSCIATE Piazza Mons. Giuseppe Radici