Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi Le altre fraternità del Monastero di Bose don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani

giovedì 2 febbraio 2017

Essere cittadini. Qualità spirituale e qualità civile



Facoltà Teologica dell'Italia Settentrionale Milano
Giornata di Studio 2017



Giovedì 12 gennaio 2017
Sala Convegni
ESSERE CITTADINI. Qualità spirituale e qualità civile

PROGRAMMA
9.30 - 9.45    Saluto - AUDIO
Prof. Don Massimo Epis, Preside della Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale di Milano


9.45 - 10.30   Laicità e dimensione spirituale dell'esistenza - AUDIO
Prof. Enrico Letta, Direttore della Scuola di Affari internazionali dell’Institut d’Études Politiques di Parigi

10.30 - 11.00  Intervallo

11.00 - 11.45 Cristiani nel mondo. Modelli e interpretazioni  - AUDIO
S. Ecc.za Mons. Erio Castellucci, Arcivescovo di Modena-Nonantola




Il rapporto tra vita civile e vita spirituale – per motivi storici e culturali – è stato caratterizzato, negli ultimi secoli, da una reciproca diffidenza, se non da una sostanziale estraneità. E questa divaricazione sembra essersi ulteriormente accentuata ai nostri giorni nei quali da un lato una diffusa corruzione provoca una sfiducia generalizzata nei confronti di coloro che gestiscono la cosa pubblica, mentre dall’altro il consenso di ampi gruppi di cittadini si coagula intorno a forme di populismo che spostano l’attenzione della politica dai veri problemi per dedicarsi ad altri temi.
È possibile, oggi, tornare a riflettere in modo non pregiudicato su questi temi e mettere di nuovo in luce le intrinseche connessioni tra momento civico e spirituale dell'esistenza?
La Giornata di studio intende offrire uno spazio di riflessione che aiuti a riscoprire e mettere di nuovo in luce le intrinseche connessioni tra momento civico e spirituale dell'esistenza. È difficile, infatti, pensare l'uno senza l'altro. Una vita civile disattenta ai valori dello spirito sembra infatti condannarsi facilmente alla dimenticanza del proprio momento fondativo, mentre un'autentica esperienza spirituale dovrebbe necessariamente avvertire l'esigenza di assumere, prima o poi, la sua dimensione pubblica.