Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani Elenco di tutti i posts

martedì 7 febbraio 2017

Alberto Mello Il pane necessario


4 febbraio 2017

Mc 6,30-44

In quel tempo 30gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato.
31Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po'». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. 32Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. 33Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero.
34Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose. 35Essendosi ormai fatto tardi, gli si avvicinarono i suoi discepoli dicendo: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; 36congedali, in modo che, andando per le campagne e i villaggi dei dintorni, possano comprarsi da mangiare». 37Ma egli rispose loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Gli dissero: «Dobbiamo andare a comprare duecento denari di pane e dare loro da mangiare?». 38Ma egli disse loro: «Quanti pani avete? Andate a vedere». Si informarono e dissero: «Cinque, e due pesci». 39E ordinò loro di farli sedere tutti, a gruppi, sull'erba verde. 40E sedettero, a gruppi di cento e di cinquanta. 41Prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero a loro; e divise i due pesci fra tutti. 42Tutti mangiarono a sazietà, 43e dei pezzi di pane portarono via dodici ceste piene e quanto restava dei pesci. 44Quelli che avevano mangiato i pani erano cinquemila uomini.

Stranamente, i racconti evangelici della moltiplicazione dei pani sono due e sono pressoché identici. Li consideriamo insieme perché il loro significato è più facilmente deducibile dal loro confronto, e anche perché il secondo racconto esula, quest’anno, dalla nostra sequenza liturgica.

Tra questi due racconti, il Vangelo registra uno spostamento geografico di Gesù, perché prima attraversa il mare e poi ha l’incontro con una donna sirofenicia. Tutto fa pensare a un passaggio dalla terra d’Israele, dove avviene la prima moltiplicazione dei pani, alla “regione di Tiro”, quindi in territorio pagano. Questo passaggio, questo attraversamento del mare, è inscritto anche nelle piccole differenze dei due racconti, che riguardano i numeri del pane moltiplicato o avanzato. Nel primo racconto, quello attuale, i pani moltiplicati sono cinque (e due pesci) e i cestini avanzati dodici. Nel secondo racconto, narrato al capitolo ottavo, i pani moltiplicati sono sette quante le sporte degli avanzi.

Dati casuali? Forse, ma questi numeri si prestano a interpretazione. Cinque sono i libri della Torà e dodici le tribù d’Israele. Sette, o settanta, è il numero delle nazioni pagane, secondo il computo simbolico che si faceva allora. Si ha la netta impressione che la prima moltiplicazione dei pani riguarda il popolo ebraico, mentre la seconda, in territorio pagano, è quella destinata a tutti gli altri popoli o genti. Questa impressione è confermata da un dettaglio linguistico. Gesù, prima di spezzare il pane, alza gli occhi al cielo e lo benedice. Ora, in Mc 6,41, per “benedire” si usa il verbo comune in ambito ebraico, euloghein; mentre in Mc 8,6 si usa un altro verbo, eucharistein. La benedizione ebraica quotidiana sul pane diventa, quasi insensibilmente, l’eucaristia cristiana.

Ora, questo pane è unico, per Israele come per le genti. È questa la vera moltiplicazione, cioè la partecipazione anche dei gentili al pane benedetto da Gesù. Noi sappiamo che mangiare insieme il pane è stabilire una comunione, vuol dire diventare “compagni”, cioè entrare in alleanza. In ebraico il termine per “alleanza”, berit, deriva da una radice che significa, appunto, “mangiare”. Quando, sul Sinai, Mosè, Aronne e i settanta anziani entrarono in alleanza con il Dio d’Israele, “essi videro Dio e mangiarono e bevvero” (Es 24,11). Le nostre traduzioni si sentono imbarazzate da questo accostamento tra il mangiare e il vedere Dio. Perciò vi introducono una distanza logica o temporale: “videro Dio e ciò non ostante mangiarono”, oppure “videro Dio e poi mangiarono e bevvero”, come se i due atti fossero incompatibili. Invece è proprio nel mangiare lo stesso pane che si realizza l’alleanza, la comunione.

La moltiplicazione del pane da parte di Gesù è, dunque, un’estensione dell’alleanza di Dio a tutte le genti. Il vero miracolo non è l’abbondanza del pane, ma la comunione con tutti. Proprio questa comunione è il “pane necessario” che chiediamo nella preghiera insegnataci da Gesù e che riceviamo ogni volta che facciamo eucaristia.

Fonte: Monastero di Bose