Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi Le altre fraternità del Monastero di Bose don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani

lunedì 2 gennaio 2017

Cristiani e musulmani in dialogo su Maria


In occasione della pubblicazione del nuovo libro del Fondatore della COREIS (Comunità Religiosa Islamica) Italiana, Shaykh Abd al-Wahid Pallavicini, "Il Nome di Dio nell’Islam" (Edizioni Messaggero di Sant’Antonio), il Centro culturale San Rocco e l'Arcidiocesi di Fermo ospitano una “Conversazione interreligiosa tra cristiani e musulmani sulla figura della Vergine Maria” il 30 dicembre 2016 alle ore 17.30 presso il Centro culturale San Rocco, in piazza del Popolo 40 a Fermo.
Sulla scia di collaborazione fraterna e riconoscimento spirituale manifestato in tutta Italia lo scorso 31 luglio 2016, quando anche a Fermo i musulmani hanno portato un saluto di pace nelle chiese, viene proposto a tutti un momento di conoscenza sul Monoteismo abramico assieme a don Andrea Andreozzi, biblista (Arcidiocesi di Fermo), all’autore del libro Shaykh Abd al-Wahid Pallavicini e con la moderazione di don Giordano Trapasso, Segretario Generale dell’Arcidiocesi di Fermo.

La serata sarà in particolar modo dedicata alla figura della Vergine Maria, molto venerata anche dai musulmani, nella scoperta di un rinnovato dialogo islamo-cristiano che si svolgerà significativamente vicino ad un luogo di pellegrinaggio mariano come Loreto.

«In questi nostri tempi, in cui il Nome di Dio viene abusato e i musulmani non sembrano più ricordare le origini e le finalità dell’Islam, riflettere sul Nome di Dio significa riscoprire la fratellanza che lega ebrei, cristiani e musulmani, evitando che ciascuno idolatri la propria religione. Rinnovare senza proselitismi negli uomini e nelle donne un anelito di fede e di santità rappresenta un dovere religioso e un imperativo morale che anche il mondo laico potrà apprezzare».
Dalla quarta di copertina del libro Il Nome di Dio nell’Islam

Lo Shaykh ‘Abd al-Wahid Pallavicini, nato a Milano nel 1926, abbraccia l’Islam nel 1951, vive per molti anni in Oriente dove, nel 1980, diventa Maestro di un ramo del sufismo, la via contemplativa della tradizione islamica. Nel 1986 rappresenta l’Islam italiano nello storico incontro ecumenico di Assisi promosso da San Giovanni Paolo II. È fondatore e presidente onorario della COREIS (Comunità Religiosa Islamica) ITALIANA (www.coreis.it). Tra le sue opere, L’Islam interiore, uscito in italiano, francese e inglese, delinea le tappe del percorso spirituale che riporta l’uomo a Dio secondo la religione islamica.