Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi Le altre fraternità del Monastero di Bose don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani

mercoledì 30 novembre 2016

Haim Baharier Dieci comandamenti o dieci parole?


Quattro lezioni di Haim Baharier dal 14 novembre al 5 dicembre 2016
Genova, Palazzo Ducale 

La Costituzione degli Israeliti, il Decalogo, che è una delle fonti culturali dell’Occidente, non è contemporanea alle narrazioni della Genesi, per cui esplicitamente le sue pretese non risultano universali.

I suoi sviluppi teorici e pratici si realizzano lungo il cammino del popolo ebraico attraverso il deserto e, quindi, non entro i confini geopolitici cui accederà al termine di quel cammino. L’oggi vive in un deserto irto di pericoli. Per Baharier è giunto il momento di interrogare nuovamente il Decalogo, attualizzarne le parole, approfondirle.

A cura del Centro Culturale Primo Levi e della Comunità Ebraica di Genova

14 novembre | Prima lezione
“Lo schiavo che se ne va non può che fuggire”, un antico pregiudizio smentito dalla prima promessa del Decalogo



21 novembre | Seconda lezione
“anche i sacerdoti che si avvicinano a Ad(o)nai dovranno santificarsi” perché si realizzi la seconda promessa.



28 novembre | Terza Lezione
Lo Shabbàt, la domenica degli Ebrei, non è una domenica che cade di sabato.



5 dicembre | Quarta lezione
La Parola Anokhì (l’Io divino) è colui che fa uscire, colui che libera dalla schiavitú, colui che edifica col filo a piombo della rettitudine