Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito Enzo Bianchi Rosanna Virgili don Claudio Doglio Lidia Maggi Luciano Manicardi Edizioni Qiqajon, Casa editrice del Monastero di Bose Le altre fraternità del Monastero di Bose

venerdì 11 novembre 2016

FTTR Giubileo della Misericordia e della Riforma


In prossimità del quinto centenario dell’atto nel quale tradizionalmente e simbolicamente si vede l’inizio della Riforma protestante (la pubblicazione delle tesi di Martin Lutero, il 31 ottobre 1517), Facoltà teologica del Triveneto e Istituto di Studi ecumenici San Bernardino di Venezia hanno elaborato il progetto A 500 anni dalla Riforma protestante. Ripensare l’evento, viverlo ecumenicamente, articolato in varie iniziative che si sviluppano tra Padova e Venezia nel biennio 2016/2017.


Tra queste si colloca il convegno accademico annuale della Facoltà teologica, dal titolo Giubileo della Misericordia, giubileo della Riforma: una prossimità feconda?, che si terrà giovedì 10 novembre 2016 nella sede di Padova (via del Seminario 7).
In mattinata (ore 9-13) interverranno due relatori di spicco nel panorama internazionale: la teologa luterana Elisabeth Parmentier della Facoltà di Teologia dell’Università di Ginevra e il teologo cattolico James Puglisi del Centro pro unione di Roma; modera Simone Morandini dell’Istituto San Bernardino.
Nel pomeriggio (ore 14.30-17) saranno proposti sei laboratori per approfondire alcune tematiche specifiche: Etica ed ecumenismo; La riforma tra storia e storiografia; Il dialogo cattolico-protestante: verso dove?; La giustificazione: dalla divisione al consenso; Il dialogo: dal Concilio a papa Francesco; Ecumenismo e pastorale.

«Il convegno – spiega Riccardo Battocchio, docente della facoltà e coordinatore del progetto assieme a Simone Morandini – vuole mostrare una relazione possibile fra l’esperienza dell’anno santo della misericordia che la chiesa cattolica sta vivendo e l’anniversario della Riforma, che le chiese luterane celebrano come giubileo. Da parte cattolica naturalmente c’è qualche perplessità nel “giubilare” per l’evento della Riforma, per ciò che è accaduto nel XVI secolo, con tutte le conseguenze drammatiche, le incomprensioni reciproche, i fraintendimenti che hanno portato alla divisione fra i cristiani in Europa. Si tratta quindi di capire: possiamo ricordare assieme, cattolici e luterani, questo avvenimento? Come ricordarlo? Come un giubileo? In che senso il termine giubileo è utilizzato dai cattolici per l’anno santo della misericordia e dai luterani per i 500 anni della Riforma? Il termine giubileo, nei due casi, ha sfumature decisamente diverse, che i diversi interventi cercheranno di mettete in luce».