Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito Enzo Bianchi Rosanna Virgili don Claudio Doglio Lidia Maggi Luciano Manicardi Edizioni Qiqajon, Casa editrice del Monastero di Bose Le altre fraternità del Monastero di Bose

sabato 1 ottobre 2016

Verso una nuova relazione fra fede e scienza


VERSO UNA NUOVA RELAZIONE TRA FEDE E SCIENZA

seminario pubblico sul libro
Anche la scienza parla soltanto per metafore di H.-P. Dürr

relatore Emanuele Angeleri
fisico, già docente UNIMI, traduttore e curatore dell’edizione italiana


interviene don Mauro Lucchesi
delegato diocesano e regionale per l'ecumenismo e il dialogo interreligioso

modera Vittorio Barsotti
Centro Culturale “P.M. Vermigli”

sabato 17 settembre 2016

Incontro organizzato dal Centro Culturale “P.M. Vermigli” di Lucca nell’ambito del laboratorio “Fede e pensiero al presente” curato da M. Turrisi. Con la collaborazione di LuccaLibri Libreria-Caffè Letterario e il patrocinio del CRIF (Centro di Ricerca sull’Indagine Filosofica – P4C).

HANS-PETER DÜRR (1929 - 2014), fisico quantistico, professore emerito all'Università di Monaco di Baviera, dove ha diretto per diversi anni l'Istituto Max Planck. È stato allievo collaboratore e amico di Werner Heisenberg. Dottore in Filosofia honoris causa, nel 1987 gli è stato conferito il premio Nobel Alternativo e nel 1995 il Nobel per la Pace con il gruppo internazionale Pugwash.

Fede e scienza vedono il reale da punti di vista diversi. La fede tende a proporre una visione dall’interno del reale, la scienza invece tende alla visione dall’esterno. Sono indispensabili all’uomo l’una e l’altra. L’errore sta nel rifiuto della collaborazione. In fondo sia la scienza sia la fede propongono metafore, ricorrono a parabole che sono approssimazioni del reale senza mai raggiungerlo. Danno l’idea, suggeriscono qualcosa, ma lasciano spazio a interpretazioni diverse. Nemiche storiche, scienza e religione continuano a essere rappresentate come due vie alternative per l’uomo nella sua avventura conoscitiva. Ma oggi andrebbe superata la tradizionale contrapposizione dei due specifici punti di vista sulla realtà, quello sperimentale e quello spirituale: nuovi rapporti – nel segno di una salutare convergenza – sono possibili alla luce delle rivoluzionarie acquisizioni della fisica moderna (a partire dalla teoria dei quanti). La complementarità fra scienza e religione corrisponde a quella fra esattezza e rilevanza. La fede-speranza non è superflua, bensì vitale.