Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi Le altre fraternità del Monastero di Bose don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani

martedì 25 ottobre 2016

"Il mondo di Steve McCurry"


Un grande evento, un momento unico per ascoltare dal vivo la testimonianza di uno dei più grandi fotoreporter della storia: il forum Monzani ha accolto Steve McCurry e la risposta dei modenesi è andata oltre ogni aspettativa.
All'interno si è registrato il tutto esaurito mentre centinaia di persone sono rimaste fuori per motivi di sicurezza. Il fotografo, autore tra i tanti altri scatti diventati famosi anche del ritratto di Sharbat Gula nel campo profughi di Peshawar, in Pakistan, ha dimostrato grande disponibilità, fermandosi a firmare autografi e conversando con diversi studenti oltre che a chiacchierare con i vertici Bper



24 Ottobre 2016 ore 21.15

"Il mondo di Steve McCurry" - Mondadori Electa

Questa non è una biografia di Steve McCurry e neppure una autobiografia. “Steve McCurry si racconta a Gianni Riotta in una lunga serie di conversazioni”. Queste le parole di incipit con cui Riotta dà inizio al volume. Negli anni Settanta McCurry riceve i primi incarichi come fotoreporter per alcuni quotidiani e intraprende i primi viaggi in India, in Nepal, in Pakistan e in Afghanistan come freelance. Negli anni Ottanta è ormai un fotografo affermato che lavora per il National Geographic, su cui per la prima volta compare la “Monna Lisa afghana”: La ragazza dagli occhi verdi e il velo, col mantello color ruggine. Fortissimo nel lavoro di McCurry è anche il fascino per i volti della gente comune, in strada o tra la folla, lontano dalla realtà dello studio dove si eseguono ritratti posati con luce artificiale. Infine i suoi programmi per il futuro: camminare per le strade del mondo scattando fotografie. Più di cinquanta foto, alcune inedite, accompagnano visivamente il lettore in un viaggio inatteso e avventuroso alla scoperta del “nostro” mondo, che Steve McCurry e Gianni Riotta - ognuno con la sua arte e la propria voce - ci svelano.