Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani Elenco di tutti i posts

lunedì 30 maggio 2016

Treviglio 2011/12: Amore per Dio e amore per l'uomo


DECANATO DI TREVIGLIO
Scuola Biblica 2011/12
Amore per Dio e amore per l'uomo
Uno sguardo al femminile
La scoperta di un "tesoro"

La Tradizione rabbinica ha fissato nel Talmud Babilonese la convinzione che “Israele fu liberato dall’Egitto per i meriti delle donne” (Sotah 11b), sottolineando così in maniera significativa l’importanza delle medesime nell’ebraismo.
Se però prendiamo in considerazione altre parti dello stesso Talmud ci accorgiamo che esistono anche affermazioni di tono piuttosto diverso, come quella di chi ritiene che: “Dieci misure di chiacchiere scesero sul mondo: nove furono prese dalle donne” (Qiddushin 49b), e se guardiamo ad alcuni aspetti della vita sociale ebraica – sia del passato che del presente – potremmo rilevare elementi di maschilismo comuni a molte altre culture.
Tali evidenti contrapposizioni sono, da una parte, il normale manifestarsi della multiformità di pensiero ebraico che nasce da un contesto tradizionale senza “magistero” e, dall’altra, mettono in evidenza un modo di argomentare tipicamente semitico che utilizza le antinomie come criterio di intelligibilità. La convinzione di fondo è che la dialettica, anche di segno opposto, sia la via migliore per considerare tutti i possibili punti di vista che, nel loro insieme, contribuiscono a sviscerare la verità. […]
La Tradizione inoltre sottolinea che la Torah (L’insegnamento rivelato sul Sinai) fu dato prima alle donne, poiché senza di esse la vita ebraica non sarebbe possibile, ed invita perciò i mariti ad “abbassarsi” (da intendersi chiaramente in senso simbolico) per “ascoltare” le proprie mogli, poiché è per loro merito che le benedizioni raggiungono la famiglia; inoltre, nei ritmi biologici femminili che scandiscono i momenti fertili adatti a trasmettere la vita, viene colto un segno di sacralità che riconosce alla donna una particolare vicinanza a Dio. (Elena L. Bartolini)  

Relatori:
LAURA INVERNIZZI
Biblista e ausiliaria diocesana
ANNE ZELL
Pastora chiesa valdese, Brescia
DOROTHEE MACK
Pastora chiesa valdese, Milano
GIANANTONIO BORGONOVO
Insegnante di Sacra Scrittura presso la FTIS di Milano e dottore della Biblioteca Ambrosiana.
LUIGI NASON
Biblista. Esperto di Ebraismo. Curatore della collana EDB, Ebrei e Cristiani.