Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito Enzo Bianchi Rosanna Virgili don Claudio Doglio Lidia Maggi Luciano Manicardi Edizioni Qiqajon, Casa editrice del Monastero di Bose Le altre fraternità del Monastero di Bose

sabato 16 aprile 2016

B. Salvarani "Le religioni tra guerre e nonviolenza"


Uomini e Profeti 
Puntata del 16 aprile 2016 - Storie. 
"Le religioni tra guerre e nonviolenza"
Brunetto Salvarani dialoga
con Adel Jabbar, Roberto Mancini, Gianni Vacchelli.


La storia mostra che l’esperienza religiosa o la presenza delle religioni hanno portato spesso, lungo i secoli, a comportamenti tanto di massa quanto individuali di violenza e sopraffazione, non di rado a vere e proprie guerre, dette appunto di religione. Si dovrebbe pertanto concludere che le religioni – e in particolare quelle monoteistiche – sono intrinsecamente inclini alla violenza? Oppure, al contrario, esse sarebbero in se stesse pacifiche e prive di legami con i gruppi dei fanatici violenti? Quanto pesa, oggi, l’elemento religioso, sulle guerre che stanno insanguinando il nostro pianeta? La prospettiva del pacifismo e della nonviolenza, più o meno alimentata da scelte di fede, è ancora credibile, e in che misura? E in che modo le religioni possono prendere coscienza della loro ambiguità rispetto alla violenza, e lavorare su sé stesse per risolvere tale ambiguità in senso positivo? Si tratta di questioni oggi decisive, su cui ci intratterremo con Adel Jabbar, sociologo delle migrazioni, docente in diverse facoltà italiane, Roberto Mancini, professore di Filosofia teoretica all’Università di Macerata, e Gianni Vacchelli, scrittore e docente di Italiano negli istituti superiori.



Ascolta anche Brunetto Salvarani con Vito Mancuso a Budrio il 10 marzo 2016.