Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito Enzo Bianchi Rosanna Virgili don Claudio Doglio Lidia Maggi Luciano Manicardi Edizioni Qiqajon, Casa editrice del Monastero di Bose Le altre fraternità del Monastero di Bose

sabato 23 aprile 2016

Ludwig Monti "Misericordia e potere"




Quarto ed ultimo appuntamento giovedì 21 aprile 2016 in Cattedrale a Crema per gli incontri sul tema della misericordia promossi dal Centro Diocesano di Spiritualità. Buona la presenza e l'interesse. Relatore fratel Ludwig Monti della Comunità di Bose sul tema Misericordia e potere. La misericordia messa alla prova da una delle tentazioni più accattivanti per l'uomo, quella della manifestazione del proprio prestigio, del proprio ascendente, del comando sugli altri come espressione del proprio potere. Misericordia, invece, per il Cristiano significa portare dentro di sé, farsi carico, della miseria degli altri, essendo consapevoli della propria. Per questo - dice Cristo nel Vangelo: "i governanti tiranneggiano, ma per voi non sia così".

Il potere per migliorare la vita degli altri
Chi vuol governare si metta al servizio di tutti. Vivere l'esercizio del potere facendo Misericordia, ad imitazione di Cristo che non vuole essere servito, ma servire; non abbiamo nulla da dare a Dio, che invece da parte sua ha tutto da dare a noi. Bisogna esercitare il potere con condiscendenza, cioè scendendo verso le esigenze e le necessita' degli altri. Autorità deriva da augere che significa crescere: l'autorità, il potere, deve far crescere, deve farsi capace di migliorare la vita degli altri. Questo accade solo se riscopriamo la prossimità con gli altri; cosa particolarmente necessaria oggi in cui i mezzi di comunicazione di massa ci mostrano gli altri nella loro lontananza, nella asetticità dell'indistinto. Questo atteggiamento della misericordia non deve rimanere un fatto individuale, ma deve tradursi nella realizzazione dei cristiani come comunità alternativa, non setta nè lobby, non cioè in vista di una qualche convenienza, ma nella ricerca del bene comune per tutta la società.