Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito Enzo Bianchi Rosanna Virgili don Claudio Doglio Lidia Maggi Luciano Manicardi Edizioni Qiqajon, Casa editrice del Monastero di Bose Le altre fraternità del Monastero di Bose

venerdì 8 aprile 2016

Enzo Bianchi Annunciate a tutti la misericordia di Dio


La misericordia scandalizza perché è un amore che non si deve meritare. E chi afferma che bisogna meritare l’amore di Dio cancella la verità centrale della salvezza cristiana”. Lo ha affermato questa mattina (18 marzo 2016) Enzo Bianchi, fondatore e priore della Comunità monastica di Bose, nella sua meditazione quaresimale alla comunità accademica della Pontifica Università Lateranense (Pul) di Roma.
Parlando di “Annunciate a tutti la Misericordia di Dio”, il priore di Bose ha sottolineato che “la misericordia di Dio sta nella rivelazione del suo nome. Il nostro Dio ha un nome: è compassionevole e misericordioso”. Bianchi ha poi evidenziato come “nel cammino di umanizzazione di fronte al delitto c’è il castigo, di fronte al peccato c’è la pena. Ma questo non è nel cristianesimo, non è nella rivelazione del nostro Dio”. “La santità di Dio – ha aggiunto – quando si mette in moto è misericordia. Ecco perché Gesù ha trasformato il comandamento dell’antico testamento ‘siate santi come Dio è santo’ in ‘siate misericordiosi come il Padre è misericordioso’”. Inoltre, “in Dio, la giustizia quando si muove diventa misericordia”. Bianchi ha anche ricordato che “conoscere Dio significa fare esperienza della sua misericordia. A volte, come diceva Giovanni Paolo II, le persone solo se arrivano a commettere grandi peccati hanno l’occasione di conoscere la misericordia di Dio”.



“La misericordia di Dio – ha aggiunto – è sanante, brucia il peccato, raggiunge il peccatore, è un amore viscerale, perché il Signore ha viscere di misericordia”. Il priore di Bose ha inoltre sottolineato come “il primo atto pubblico che Gesù fa è mettersi in una fila di peccatori e va a ricevere il battesimo per la remissione dei peccati. Si fa solidale con i peccatori, sta dalla loro parte”. “Noi – ha aggiunto – cambiamo vita, ci convertiamo, per due ragione: se il peccato che facciamo ci provoca cattiva salute o vergogna perché gli altri lo sanno. Se non provoca questi due effetti lo continuiamo a coltivare fino a che ne abbiamo le forze e la voglia di convertirci non ce l’abbiamo”. Richiamando le parabole della zizzania e del grano, del padre misericordioso e dei vignaioli, Bianchi ha affermato che “Gesù scandalizzava e ha dovuto giustificarsi”. “Ci apprestiamo alla settimana santa, che purtroppo – ha osservato Bianchi – molti vivono senza mai chiedersi perché è morto Gesù. Usano la frase più semplice: ‘ per i nostri peccati’. In realtà, l’ha portato alla morte il suo atteggiamento di misericordia: perdona i peccatori, non li condanna, li frequenta”. “Faceva scandalo la sua misericordia che viveva e predicava. Questa è la verità del Vangelo, che turba anche noi”.

Leggi anche quest'altro articolo