Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito Enzo Bianchi Rosanna Virgili don Claudio Doglio Lidia Maggi Luciano Manicardi Edizioni Qiqajon, Casa editrice del Monastero di Bose Le altre fraternità del Monastero di Bose

sabato 30 aprile 2016

B. Salvarani I molteplici sentieri di Raimon Panikkar


Uomini e Profeti 
Puntata del 30 aprile 2016 - Storie. 
"I molteplici sentieri di Raimon Panikkar"
Brunetto Salvarani dialoga
con Francesco Comina e Achille Rossi.


Raimon Panikkar (1918-2010) è ritenuto, per antonomasia, il teologo del dialogo: una lunga vita trascorsa non tanto a rivendicare la verità quanto a praticarla. Padre indiano e hindu, madre catalana e cristiana: diviene presbitero nel 1946, ma si sentirà contemporaneamente, e totalmente, induista, buddhista e cristiano, attingendo a differenti tradizioni dai tesori incommensurabili e aprendo squarci di luce sulla relazione fra Dio, l’umanità, il cosmo. Panikkar rappresenta un ponte, un ossimoro, una testimonianza vivente dell’eccezionale opportunità che può derivare dall’incrocio fecondo delle due culture, scientifica e umanistica (la sua prima laurea è in chimica, le altre in filosofia e teologia); così come dei due universi mentali, quello occidentale e quello orientale, che ha attraversato costantemente. Ma chi è stato davvero Raimon Panikkar, al di là della leggenda che l’ha accompagnato? E la sua ricerca può aiutarci a capire il senso di una verità plurale, in un tempo largamente attraversato da pulsioni identitarie e fondamentalistiche? Qual è il suo lascito alle generazioni presenti e future? Ne rifletteremo con Francesco Comina, giornalista e coordinatore del Centro per la pace del comune di Bolzano, e con Achille Rossi, scrittore e a lungo amico personale di Panikkar; riascolteremo inoltre alcuni brani di un’intervista allo stesso Panikkar presentata anni fa a "Uomini e Profeti".



Ascolta anche Brunetto Salvarani con Vito Mancuso a Budrio il 10 marzo 2016.