Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi Le altre fraternità del Monastero di Bose don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani

mercoledì 16 marzo 2016

Gender, religione, educazione: un dibattito aperto


Serena Noceti e Letizia Tomassone
15 marzo 2016, ore 17.45
incontro con Serena Noceti e Letizia Tomassone
(CTI Coordinamento Teologhe Italiane)

Le chiese e la teologia sembrano porsi oggi come i difensori di un ordine creazionale che si sta intanto sbriciolando e che, per esempio, visto con occhi postcoloniali da studiosi/e e testimoni di un mondo altro (asiatico, amerindio, africano) appare come un ordine che è stato imposto come violenza coloniale, legata alla costruzione di sé del mondo europeo bianco e occidentale.

Ora la teologia è invitata a prendere coscienza del proprio statuto di costruzione culturale. Viene sfidata a confrontarsi con la fluidità dell’identità sessuale e del desiderio umano, esso stesso un dato di creazione. Un secondo dato con cui confrontarsi è quello delle identità in transito. Chiese e teologia sono poste di fronte a questa sfida: accettare la vita reale delle persone. Quelle persone che cercano anche di fronte a Dio di riconoscere la propria dignità e identità. L’altra opzione che è possibile per le chiese e quella di cercare di imporre ancora una volta l’ideologia coloniale dell’eterosessualità obbligatoria. Ma la vita delle persone prevale e chiede di essere riconosciuta nella sua fluidità.
Le chiese possono aiutare le persone ad andare verso una piena consapevolezza e accettazione di sé come opera di Dio, qualunque sia la posizione di identità, genere, orientamento o corpo biologico in cui ci si trova. Oggi, le persone queer insegnano alla chiesa a lodare Dio da tutte le posizioni, da tutti i margini, da tutti i nascondigli in cui la chiesa ha costretto le persone a rinchiudersi, e che vengono invece aperti dalla grazia di Dio che accompagna ognuno/a nel proprio transito, nel cammino e nella fluidità dell’esistenza, rompendo le imposizioni del potere sui soggetti soggiogati e ridando voce ai senza parola.
Le chiese evangeliche italiane hanno prodotto un documento sulle famiglie che sarà brevemente illustrato in questa occasione.



Letizia Tomassone, pastora della chiesa valdese dal 1984, è nata a Torino nel 1957. Ha conseguito la laurea in teologia protestante presso la Facoltà Valdese di Teologia di Roma nel 1983 e un DEOAT (master) in teologia sistematica presso l’Institut Protestant de Théologie de Montpellier, France, 1984.
La sua esperienza pastorale si è svolta in Liguria (Savona, Genova, La Spezia – Carrara) e a Verona. Attualmente vive e lavora a Firenze. Inoltre per cinque anni ha diretto il Centro ecumenico di Agape e i campi femministi come quelli teologici, luogo di elaborazione e confronto intenso. Dal 2006 al 2012 è stata vicepresidente della Federazione delle Chiese evangeliche in Italia, incaricata in particolare delle relazioni ecumeniche e interreligiose.
Dal 2010 il Sinodo valdese le ha affidato l’incarico di docenza e coordinamento dei corsi di “Studi femministi e di genere” presso la Facoltà Valdese di Teologia di Roma. Organizza ogni anno, oltre al corso un convegno di studio interdisciplinare sui temi delle teologie femministe.
Tra il 2011 e il 2012 ha trascorso un sabbatico di studio come ‘visiting scholar’ presso Starr King School for Ministry, GTU, Berkeley, California.
Partecipa a convegni e incontri, in particolare facendo riferimento al contesto del Coordinamento delle Teologhe in Italia, di cui è socia fondatrice

Serena Noceti (Firenze, 1966) ha conseguito il dottorato in teologia nel 2005. È docente stabile ordinario di teologia sistematica presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Firenze; insegna presso la Facoltà teologica dell’Italia centrale. Ha tenuto corsi di “Gender studies e teologia” in alcune Facoltà teologiche italiane. Socia fondatrice del Coordinamento Teologhe Italiane, è vicepresidente dell’Associazione Teologica Italiana.
Le sue pubblicazioni sono dedicate in particolare all’ecclesiologia, alla teologia di genere e alla catechesi; si segnalano tra queste S. DIANICH – S. NOCETI, Trattato sulla chiesa, Queriniana, Brescia 2005, 20153; M. PERRONI – A. MELLONI – S. NOCETI (edd.), “Tantum aurora est”. Donne e Vaticano II, LIT, München 2012; Sex gender system. Una prospettiva?, in M. PERRONI – H. LEGRAND (edd.), Avendo qualcosa da dire. Teologhe e teologi rileggono il Vaticano II, Paoline, Cinisello B. 2014, 61-69.