Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi Le altre fraternità del Monastero di Bose don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani

mercoledì 9 marzo 2016

Andrea Grillo Famiglia e società aperta


febbraio 2016


1. Che cosa è stato in gioco nel Sinodo sulla famiglia?


1.1. Un rapporto tra Chiesa e mondo da recuperare
1.2. La acquisizione della “libertà di coscienza” come criterio di rapporto con la comunione
1.3. Una discussione del “principio di autorità” come “linguaggio sospetto”
1.4 Una nuova formulazione di ciò che è “reale”: nel caso, il vincolo o la separazione?

2. Le conseguenze sul “legame per sempre”

2.1. Insufficienze della pura “condizione giuridica”
2.2. Inadeguatezza della stessa visione giuridica come “pedagogia”
2.3 La questione della “tutela dei diritti” e la paura di “scandalizzare” o “disorientare”
2.4.La nuova condizione dell'amore “finché morte non ci separi”.

3. Cultura ecclesiale, cultura civile, cultura sentimentale

3.1 Una tendenza classica al “puro vincolo” al limite della assenza di relazione amorosa
3.2. Una tendenza nuova alla “relazione pura” al limite della assenza di vincolo
3.3. Una oculata mediazione tra questi eccessi, entrambi – oggi – disumani
3.4. Foro esterno, foro interno: un “foro intimo”? Una ripresa di “itinerari penitenziali”? Un riconoscimento della “penitenza esistenziale”? Una lettura della “crisi” come malattia?