Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito Enzo Bianchi Rosanna Virgili don Claudio Doglio Lidia Maggi Luciano Manicardi Edizioni Qiqajon, Casa editrice del Monastero di Bose Le altre fraternità del Monastero di Bose

martedì 2 febbraio 2016

Ludwig Monti Presentazione di Gesù al Tempio


La sua casa siamo noi
Luca 2,22-38

Quaranta giorni dopo la sua nascita – dunque, liturgicamente, quaranta giorni dopo Natale – Gesù incontra nel tempio il Dio dei padri. In obbedienza alla Torà compie la prima offerta rituale attraverso i suoi genitori e viene accolto dal popolo dei credenti nelle persone di due poveri appartenenti al “resto di Israele” che confidava solo nel Signore (cf. Sof 3,12-13) e attendeva la venuta del suo Messia.


Nel tempo di Natale abbiamo già meditato, in tre tappe, su questo brano di Luca. Ci poniamo dunque una semplice domanda: che senso ha per noi, oggi, celebrare la festa della Presentazione del Signore?

Occorre innanzitutto cogliere la novità dirompente, dovuta alla persona di Gesù: presentato nella casa di Dio, “entra nel suo tempio come Signore” (cf. Ml 3,1) e non viene riscattato con denaro, perché è lui “la redenzione di Gerusalemme”; non viene santificato (cf. Es 13,2.12), ma è riconosciuto Santo, come già proclamato dall’angelo a Maria (cf. Lc 1,35). Qui c’è “qualcuno più grande del tempio” (Mt 12,6) e anche della Legge! Gesù non ha mai trasgredito la Legge, e anche quando ha purificato il tempio lo ha fatto come gesto di amore verso la casa del Padre suo, ridotta a una spelonca di ladri (cf. Mc 11,15-17 e par.; Ger 7,11). Il quarto vangelo, nella sua prospettiva “altra”, ci fa comprendere il senso di tale azione:

Gli dissero: “Quale segno ci mostri per fare queste cose?”. Rispose Gesù: “Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere” … Egli parlava del tempio del suo corpo (Gv 2,18-19.21).

È con il suo corpo, con tutta la sua persona che Gesù è stato il tempio definitivo, fino a essere richiamato dalla morte alla vita eterna da parte del Padre. È stato “salvezza, luce, gloria, redenzione”. E lo è stato nella piena libertà e obbedienza (resistenza e sottomissione, direbbe Bonhoeffer) del credente: nella postura di chi, per amore, compie fino alla fine la propria verità, a costo di essere “un segno contraddetto, affinché siano svelati i pensieri di molti cuori”. Di fronte a Gesù, “venuto a portare sulla terra la divisione” (cf. Lc 12,51), occorre decidersi: accettiamo o rifiutiamo (non c’è una terza possibilità!) che sia lui a giudicare la nostra vita?

Dopo la sua resurrezione Gesù dimora in ciascuno di noi, suo tempio (cf. 2Cor 6,16; Ef 2,21). Di conseguenza la nostra responsabilità è quella descritta in un brano della Lettera agli Ebrei purtroppo poco conosciuto: “La sua (di Cristo) casa siamo noi, se conserviamo la libertà e la speranza di cui ci vantiamo” (Eb 3,6). Parole straordinarie, inesauribile programma di vita!

Il Signore Gesù è venuto nella carne e verrà nella gloria alla fine dei tempi. Nel “frattempo” ogni giorno viene a noi, si presenta alla porta del nostro cuore, chiedendoci solo di essere accolto: lasciamo che sia lui a svelare ciò che ci abita e a illuminare le nostra profondità con il suo Vangelo. E non dimentichiamolo: “La sua casa siamo noi, se conserviamo la libertà e la speranza di cui ci vantiamo”. È vivendo nelle nostre relazioni questa libertà e questa speranza che possiamo presentarci a Dio ogni giorno, fino a quando ci presenteremo a lui, sostenuti da Cristo, alla fine della nostra vita.


Ludwig Monti predicherà il ritiro di Quaresima "Gesù, maestro di lotta spirituale" alla Fraternità di Civitella domenica 14 febbraio 2016