Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi Le altre fraternità del Monastero di Bose don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani

sabato 26 dicembre 2015

Brunetto Salvarani "Turchia, cristiani senza futuro?"


Uomini e Profeti 
Puntata del 26 dicembre 2015 - Storie. 
"Turchia, cristiani senza futuro?"
Brunetto Salvarani dialoga
con Riccardo Cristiano, Claudio Monge.



Il cristianesimo nasce come realtà plurale, e tale rimane ancora oggi. Una pluralità dovuta a diversità di origine, cultura, storia, idioma. Costantinopoli, Alessandria, Antiochia, Gerusalemme: quattro delle cinque chiese madri che componevano l’antica pentarchia si trovano nella regione della terra designata come Vicino Oriente o Medio Oriente. E’ lì la culla della fede cristiana; lì fiorirono le prime comunità di discepoli del rabbi di Galilea; ad Antiochia (nell’attuale Turchia), secondo la testimonianza degli Atti degli apostoli, nacque per la prima volta il nome di cristiani. Ma cosa resta, attualmente, di quella ricchissima tradizione? Quale parola del vangelo sono in grado di annunciare e di incarnare quelle chiese, che costituiscono un mosaico complesso e di difficile lettura? In particolare, qual è la loro condizione nel difficile contesto geopolitico della Turchia, paese chiave nelle dinamiche mediorientali? Ne discuteremo con Riccardo Cristiano, giornalista religioso della RAI ed esperto di Medio Oriente, e con Claudio Monge, domenicano, responsabile del Centro di documentazione interreligiosa dei domenicani a Istanbul e consultore del "Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso".