Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani Elenco di tutti i posts

sabato 12 dicembre 2015

Brunetto Salvarani Fra islam e laicità: il caso Tunisia


Uomini e Profeti 
Puntata del 12 dicembre 2015 - Storie. 
"Fra islam e laicità: il caso Tunisia"
Brunetto Salvarani dialoga
con Ezzedine Anaya, Adnane Mokrani.



La Tunisia, paese pioniere delle primavere arabe con la Rivoluzione dei gelsomini (2010-2011), è l’unico del mondo arabo ad aver avviato un processo di modernizzazione della società e delle istituzioni in grado di evolvere verso il modulo democratico (fra l’altro, al Quartetto per il Dialogo Nazionale Tunisino è stato di recente assegnato il Nobel per la pace). Per questo, si tratta di un osservatorio privilegiato per tornare sul rapporto cruciale fra islam e laicità, pur sapendo che entrambi i termini si mostrano oggi complessi e difficili da decifrare. Può essere, quello tunisino, pur ferito da una serie di attentati terroristici, un modello su cui riflettere, in un momento in cui l’islam è sottoposto a una serie tremenda di prove da superare, e si torna a discutere, in maniera più o meno strumentale, di scontro di civiltà? In questa luce, ci chiediamo: è possibile leggere il Corano con gli strumenti della critica scientifica? E quali sono oggi i canali di comunicazione sul piano culturale fra il mondo arabo e l’Europa? Ne parleremo con Ezzedine Anaya, scrittore e traduttore tunisino, docente alla Sapienza di Roma e all’Orientale di Napoli, e con Adnane Mokrani, teologo musulmano di origini tunisine, che insegna alla Pontificia Università Gregoriana e al Pontificio Istituto di studi arabi e islamistica (Pisai).