Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi Le altre fraternità del Monastero di Bose don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani

venerdì 25 settembre 2015

Festival Mente 2015 - Massimo Recalcati "Madri"


Programma 2015

«È meglio assumere un sottosegretario che una responsabilità», diceva con il consueto humour un grande editore come Leo Longanesi. Frase più che mai attuale, se è vero che sottrarsi alle proprie responsabilità e dare la colpa a qualcun altro sembra essere uno dei vizi più diffusi, perlomeno in Italia. Ma è anche vero che in quest’epoca di grandi innovazioni scientifiche e tecnologiche, e di complessi mutamenti sociali, è il concetto stesso di “responsabilità” ad avere la necessità di essere ridefinito: i valori etici su cui si basava la società del Novecento sono rimasti sempre gli stessi o devono essere riconsiderati e riadattati a questo nuovo mondo globale? A quali nuove responsabilità vengono chiamati quegli scienziati, artisti, intellettuali che con i loro studi e le loro scoperte influenzano profondamente la variegata società di oggi, in continua mutazione? E quale rapporto c’è tra creatività e responsabilità? È per tentare di dare una risposta a questi importanti interrogativi che quest’anno abbiamo scelto la “responsabilità” come filo conduttore del Festival della Mente, dedicato all'indagine delle idee e dei processi creativi.
Il nostro ringraziamento va alla Fondazione Carispezia, per la fiducia che ci ha accordato, al Comune di Sarzana per l’accoglienza e la disponibilità, e a tutti i collaboratori e i volontari che hanno contribuito – con passione, dedizione e gran senso di responsabilità – alla realizzazione della dodicesima edizione del Festival della Mente.
Gustavo Pietropolli Charmet e Benedetta Marietti