Seguici su Twitter Aggiungici su Google+ Iscriviti al Canale Youtube Abbonati ai Feed Registrati per ricevere la newsletter
Pagine del sito   Enzo Bianchi Luciano Manicardi don Claudio Doglio Rosanna Virgili Lidia Maggi Brunetto Salvarani Elenco di tutti i posts

martedì 22 aprile 2014

La cena del Signore: cosa c'è dentro il pane e il vino



La cena del Signore: che cosa c'è dentro il pane e il vino - Gabriella Caramore dialoga con Paolo Ricca 
Domenica di Pasqua 20 aprile 2014 
La Pasqua cristiana non è solo l'enigma della "resurrezione" di Gesù dalla morte a cui lo condannò il potere politico e religioso del suo tempo. E' memoria anche di un altro enigma, custodito nel pane e nel vino con cui Gesù, nel celebrare con i suoi discepoli e amici la tradizionale festa di Pesach, istituì per la prima volta il "sacramento" dell'eucaristia, che significa "ringraziamento". Ma che cosa intese dire con le parole "questo è il mio corpo" ... "questo è il mio sangue"? Che realmente -- materialmente -- il pane e il vino si trasformarono, quasi per magia, nel suo corpo e nel suo sangue? Oppure Gesù si riferiva a un gesto simbolico, come se ne trovano altri in tutta la Bibbia? O anche semplicemente a un "fare memoria" della sua presenza sulla terra? Il pastore e teologo valdese Paolo Ricca ci racconta oggi di come un gesto che era di condivisione e di inclusione si sia trasformato, nella storia delle chiese, in uno strumento di divisione e lacerazione. Le diverse interpretazioni dei teologi, e gli egoismi delle singole chiese, non hanno permesso di praticare insieme un gesto nato per unire invece che per dividere. E' possibile oggi una via d'uscita? Forse sì. E forse fin da subito.